NUMERO
2 - 2014
In primo piano
di Stefy Lusenti e Andrea Mussi
La voce della Cooperativa
di Beppe Cortona
Intervista a Andrea Baggioli, Presidente della Cooperativa
di Anna Maria Rusconi
tutti in marcia il 9 Novembre
Ecco il Comune ideale per Flavio Polano, il nuovo sindaco di Malgrate
di Giusy Negri e Anna Maria Rusconi
La voce della Cooperativa




UN PO' DI VECCHIO, UN PO' DI NUOVO
di Anna Maria Rusconi

Tirare le somme di un'attività come quella della Cooperativa al termine di un anno (il 29° esercizio alla sua costituzione) è un'operazione sempre delicata perché, accanto alle attività che da anni procedono da sole, quasi per inerzia (e grazie al cielo che è così), ce ne sono altre che vanno incanalate sulla strada giusta, ma il cui inizio è sempre pieno di imprevisti.

Il nuovo per eccellenza quest'anno si riassume in una parola: sede.
Gestito in collaborazione tra i gruppi scout AGESCI e la Cooperativa, l'ampliamento della sede ha ridotto un po' il suo utilizzo nei giorni feriali per la presenza del cantiere e il prato è stato per un po' di tempo inutilizzabile; ma il risultato adesso c'è e si vede. Ne abbiamo parlato con il presidente della cooperativa, Andrea Baggioli.
Un tassello in più nel mosaico della realtà scautistica lecchese e non:
"Certo, spazi in più nella sede vanno nella direzione di agevolare la risposta alla richiesta di scautismo a Lecco e di servizi in più. Per esempio, il salone al primo piano, gestito da alcuni membri del CdA e utilizzato sia dai gruppi scout di Lecco sia dalla Zona CO-LC-SO per riunioni ed altre attività, è stato dato in uso anche per altre attività non scoutistiche come corsi di ginnastica e yoga, corsi di formazione, incontri di associazioni, Messe, feste per sacramenti ed altri incontri conviviali. Come già emerso dalle riunioni degli anni scorsi, rimane la necessità di individuare un "custode" che, come per le case dei Piani Resinelli e di Tremenico, si renda disponibile a sovraintendere al buon utilizzo della sede".

 

Nei pensieri del Consiglio di amministrazione che cosa occupa il primo posto?
Direi il mantenimento in atto dei servizi da tempo consolidati e la riproposta degli appuntamenti tradizionali: la cena sociale annuale, l'uscita rivolta a tutti i soci della cooperativa, che quest'anno si è svolta in Val Grande; i rapporti con i gruppi scout lecchesi, con i quali si intende gestire in modo coordinato e collaborativo la sede e i cui capigruppo partecipano attivamente alle riunioni del Consiglio di Amministrazione.

 

Nessuno è insostituibile... oppure per la Cooperativa qualcuno lo è?
Direi i soci che si danno da fare per gestire le case scout dei Piani Resinelli e di Tremenico, che svolgono l'attività con grande dedizione ed entusiasmo. Direi che la segreteria svolge un compito importantissimo, in quanto continua ad essere il punto di riferimento per le iscrizioni ai gruppi Agesci di Lecco, così come il servizio di distribuzione delle uniformi, efficiente grazie a numerose e fedeli volontarie. Non dimentico il lavoro di riordino e di reperimento degli indirizzi di posta elettronica dei soci, grazie al quale è stata raccolta la maggior parte degli indirizzi mediante i quali si continueranno ad inviare le comunicazioni.
La Coop è sempre alla ricerca di persone che possano dare una mano: il CdA ha già iniziato il suo terzo ed ultimo anno di mandato e quindi tra pochi mesi dovrà essere rinnovato. Sarà necessario reperire nuove forze in sostituzione dei consiglieri che desidereranno andare finalmente "in pensione".

 

Come procede il sistema di comunicazione all'interno della coop?
La comunicazione tra soci e tra la coop e i gruppi ha due canali: il primo è il sito internet, www.cooperativascoutlecco.blogspot.com, di cui, da quando è stato creato 7 anni fa, sono state visualizzate più di 17mila pagine con una media, ultimamente, di 400 pagine al mese; il secondo è il foglio di collegamento PuntoLineaPunto, ora pubblicato su un sito internet appositamente creato e pubblicato anche in formato cartaceo in un ristretto numero di copie per quei soci che ne hanno fatto richiesta.

 

In fondo, un appello che non manca mai: chi volesse farsi socio della Cooperativa ed entrare nel CdA, sarà naturalmente accolto a braccia aperte!

Anna Maria Rusconi
Cooperativa Progetto Scout